Arte On-Line
Art News
04/07/1011
LA CRISI ECONOMICA, LE NUOVE ESIGENZE E LA TUTELA DEI PATRIMONI
Nel 2011 la GREDO ART GALLERY ha preso atto di un'evoluzione del mercato dell'arte. Le richieste rivolte dai collezionisti alla Dott. Bertone sono state dettate dalla paura di fare inmvestimenti sbalgliati e dalla necessità di ricerche mirate sulle opere. Molte sono state le revisioni di stima dei pezzi in base al mercato attuale e, sopratutto, di consigli mirati alle singole esigenze di nuove acquisizioni e investimenti per mettere al sicuro il denaro. Contemporaneamente la crisi ha tagliato quasi del tutto i finanziamenti pubblici finalizzati alle mostre degli artisti e la GALLERIA non poteva bastare a seguire le esigenze edei moilti artisti che la Dott.ssa Bertone ha seguito negli anni. Così, per far fronte alle pressanti richieste di lavoro in ambito peritale dei Tribunali per le crescenti truffe e contraffazioni di opere d'arte e per seguire i Collezionisti privati nelle loro esigenze di tutela patrimoniale la GREDO ART GALLERY riduce i suoi spazi per si dedicarsi esclusivamente a queste nuove esigenze di settore. LA Galleria di Piazza Castello 99 si riduce per consentire alla Titolare di dedicarsi esclusivamente all'aattività professionale di critico d'arte. Si comunica , quindi con la presente che la Dott.ssa Bertone,che da dodici anni lavora come CTU e Ausiliario di polizia giudiziaria, riceve su appuntamento telefonico al 3470777312. I servizi dedicati al collezionista privato sono: inventario e stima , perizie private e giurate in Tribunale; di aggiornamento della stima dei singoli valori;la consulenza alla vendita o alle acquisizioni con controllo delle opere sulla loro provenienza; su eventuali vincoli o ipoteche giuriziarie che ne vincolano la proprietà; sul percorso artistico-istituzionale dell'opera stessa. Per la tutela dai falsi, la Dott.ssa Bertone esegue analisi delle opere di arte sacra, moderna e contemporanea avvalendosi,qualora necessario,di analisi di laboratorio a prezzi competitivi.

15/10/2011
OUTLET DELL'ARTE
Collettiva di oggetti e dipinti d'arte contemporanea, antiquariao e curiosità

18/06/2011
Mostra LUIGIA RINALDI, “Visioni di una fauve contemporanea”
LUIGIA RINALDI, “Visioni di una fauve contemporanea” Gredo Art Gallery Piazza Castello 99, Torino Inaugurazione giovedì 18 giugno 2011, ore 18 Esposizione dal 18 giugno al 9 luglio 2011 Orario: 15 – 19, mercoledì-sabato Tel. +39 011 0461613 www.gredoartgallery.com, info@gredoartgallery.com

12/05/2011
La Gredo Art Gallery rende omaggio a EDMONDO DI NAPOLI
“La bella pittura”, OPERE INEDITE, da giovedì 12 maggio a sabato 11 giugno, dal mercoledì al sabato, ore 15 - 19, Inaugurazione cocktail, giovedì 12 maggio 2011 alle ore 18.

26/03/2011
SALI D’ARGENTO. Ricerche sperimentali, body art, fotogrammi e rielaborazioni digitali
Sabato 26 Marzo si apre la mostra dal titolo : “SALI D’ARGENTO. Ricerche sperimentali, body art, fotogrammi e rielaborazioni digitali” presso le sale della Galleria Gredo Art Gallery, piazza Castello 99 –angolo via Roma- Torino. Sono presenti opere fotografiche degli artisti moderni e contemporanei Dennis Oppenheim, Mario Schifano, Vito Acconci, Chris Burden, Villeglé, Mimmo Rotella, Andy Warhol, Gianni Bertini, Luigia Rinaldi, Maria Dolores Cattaneo, Franco Angeli, Iller Incerti, Paolo Bo, Giuseppe Chiari, Hermann Nitsch, Ben Vautier e Marco Veronese. La mostra rimarrà aperta dal 26 Marzo al 30 Aprile dal mercoledì al sabato ore 15,00-19,00.

09/12/2010
Donne senza tempo
La Gredo Art Gallery, nell’augurarvi buone festività natalizie, è lieta di invitarvi a visitare, nelle sale della Galleria di Piazza Castello n.99, un'esposizione di disegni, acquarelli, chine e tecniche miste dei maestri Dovilio, Nigro, Calandri, Di Napoli, Proverbio. Troverete in esposizione anche cristalli, ceramiche e vetri di Gallè, Verlys e Lalique. In particolare segnaliamo le opere-gioiello dell'artista Maria Dolores Cattaneo, violinista Rai, restauratrice e artista raffinata che propone la nuova collezione "Donne senza tempo", volti femminili sognanti, impreziositi da capigliature baroccheggianti, realizzate in argento, oro,smalti, perle di Murano e paste vitree. La mostra rimarrà aperta dal 9 Dicembre al 31 Gennaio p.v dal martedì al sabato, ore 10,30- 13 e ore 15,00 – 19,00. Gli ampi spazi della galleria ospitano contemporaneamente percorsi d’arte sui Grandi Maestri dell’arte internazionale.

02/09/2010
Emozioni a colori
La Gredo Art Gallery è lieta di invitarvi, sabato 2 OTTOBRE, alle ore 18.00, all'inaugurazione della mostra “Emozioni a colori” del pittore Luciano Proverbio. Allestita nelle sale della Galleria di Piazza Castello n.99, la mostra è dedicata all'artista torinese Luciano Proverbio, uno dei non numerosi Maestri contemporanei nell’arte del disegno internazionale, conosciuto ai più per la sua pittura sognante e poetica. I quadri di Proverbio presentano personaggi che abitano in un mondo di fiaba che vive, danza, suona e canta in eterno per chi li ha creati e per chi li ama con cuore puro. Con questa retrospettiva i personaggi di Proverbio continuano a danzare. Vi invitiamo a danzare con loro entrando nella magia che Proverbio sa trasmettere nelle sue opere. La mostra rimarrà aperta dal 2 Ottobre al 30 Ottobre dal martedì al sabato, ore 10,30- 13 e ore 15,00 – 19,00. Gli ampi spazi della galleria ospitano contemporaneamente percorsi d’arte sui Grandi Maestri dell’arte internazionale.

Prossime mostre
La Gredo Art Gallery riaprirà le porte del suo salotto a settembre con un ricco calendario di mostre.

15/07/2010
Buone vacanze a tutti!!
La Gredo Art Gallery augura a tutti i collezionisti e gli amanti dell'arte di trascorrere una buona estate. Vi aspettiamo a settembre.

09/04/2010
Contemporary Light Box
Si inaugura venerdì 9 APRILE, c.a. alle ore 18 la mostra Contemporary Light Box degli artisti Iller Incerti e Marco Lodola. Allestita nelle sale fluo e glitterate della Gredo Art Gallery- spazio neo aperto dal Critico d’Arte Carla Bertone in Piazza Castello 99 angolo via Roma- con l’omaggio di una light box creata esplicitamente da Incerti per l’Ostensione 2010 della Sindone, la mostra la mostra vuol porre l’accento sull’attualità tematica e creativa delle installazioni luminose dei due artisti. Pluri-stratificazioni e contaminazioni fotografiche per Incerti, miti contemporanei per Lodola si accendono di luce regalando una gioiosa poesia festosa agli ambienti che li ospitano. La mostra rimarrà aperta dal 10 Aprile al 28 maggio dal martedì al sabato, ore 10,30 -13 e ore 15,00-18,00 Gli ampi spazi della galleria ospitano contemporaneamente percorsi d’arte sui Grandi Maestri dell’arte internazionale.

 

Burri Alberto

Arte On-Line

Nasce a Città di Castello, in provincia di Perugia, il 12 marzo 1915.

Nel 1940 consegue la laurea in medicina.

Nel corso della seconda guerra mondiale viene fatto prigioniero dagli inglesi e recluso, insieme a Giuseppe Berto e Beppe Niccolai, nel "criminal camp" per non cooperatori, ossia nel campo di concentramento di Hereford in (Texas), dove comincia a dipingere utilizzando materiali di fortuna.

Tornato in Italia nel 1946, si trasferisce a Roma, dove l'anno successivo tiene la sua prima personale alla galleria La Margherita. Nel 1948, espone sempre nella stessa galleria, le prime opere astratte: Bianchi e Catrami.

Nel 1949 realizza SZ1, il primo Sacco stampato. Nel 1950 comincia con la serie le Muffe e i Gobbi e utilizza per la prima volta il materiale logorato nei Sacchi.

Burri dà così inizio sfogo alla sua passione per “l’arte informale”. L'informale si divide in tre grandi linee a seconda che nelle opere dominino il gesto, la materia o il segno.
Alberto Burri appartiene alla corrente dell'informale materico.

Secondo Burri l'arte interviene dopo avere creato. Nel suo caso, dunque, dopo l'assemblamento della materia stessa.

Uno dei molti esempi che si possono fare è qello dell'opera Rosso plastica (1964), costituita da un telo di plastica colorato con un rosso acceso bruciato da una fiamma ossidrica. Burri utilizza il fuoco come pennello per dipingere. Ne risulta una plastica rotta, addensata, ferita dai colpi di calore; questo effetto accostato al rosso violento del colore accentua la drammaticità dell'immagine. Lo spettatore si trova di fronte alla "pelle ustionata" della pittura.

Nel 1949 il Burri partecipa alla fondazione del Gruppo Origine, insieme a Mario Ballocco, Giuseppe Capogrossi ed Ettore Colla. Il gruppo, scioltosi nel 1951 continuò a operare fino al 1956 come Galleria Origine.

Nel 1952 espone per la prima volta alla Biennale di Venezia, presentando l'opera il Grande Sacco. Con le mostre di Chicago e New York del 1953 inizia il grande successo internazionale.

Nel 1954 realizza piccole combustioni su carta.

Nel 1955 espone all'Oakland Art Museum e alla VII Quadriennale Nazionale d'Arte di Roma.

Nel 1964 vince il premio Marzotto.

Nel 1973 inizia il ciclo dei Cretti e su questo filone colloca l'immenso sudario di cemento con cui rivestì i resti di Gibellina in un mirabile esempio di land art.

Nel 1976 inizia a lavorare ai Cellotex.

Al 1979 risalgono i Cicli, che domineranno tutta la sua produzione successiva.

Nel 1981 viene inaugurata la Fondazione Burri in Palazzo Albizzini a Città di Castello, con una prima donazione di 32 opere. Queste sono esposte principalmente in due sedi.

Burri muore a Nizza nel 1995, poco prima del suo ottantesimo compleanno.

 

Home l La Galleria l La locandina l Gli Artisti l Eventi e News l Dove Siamo l Contatti l Link
Copyright © Gredo sas - CF/P.IVA/RI CCIAA CN 03270580040
Oggi è giovedì 1 ottobre 2020